Conviene investire nell’eolico?

conviene-investire-nell-eolicoValutare se e quando conviene investire nell’eolico non è un’attività semplice.

La domanda che spesso mi viene fatta quando si parla dell’argomento è: ma conviene investire nell’eolico? Non ho mai risposto con un “Sì” o con un “No” e probabilmente mai lo farò.

Non credo ti venga difficile capire il perché. I fattori in gioco sono molti, come molte sono le soluzioni impiantistiche da abbinare ad un determinato progetto.

Ho deciso, quindi, di scrivere questo articolo in cui andrò ad analizzare alcuni di questi fattori.

Se anche tu ti sei chiesto almeno una volta se conviene o meno investire nell’eolico, seguimi attentamente perché le informazioni che sto per darti potrebbero esserti molto utili.

Cominciamo!

Quali sono i principali elementi da valutare in un investimento in eolico?

  • Budget
  • Ventosità dell’area
  • Caratteristiche tecniche
  • Accesso e valori d’incentivo

Budget

Se hai in mente di fare un investimento in eolico, probabilmente hai anche definito un budget da dedicarci. In realtà non tutti partono dal budget, c’è chi lo decide successivamente, in base alla rendita dell’operazione.

Ma poniamo il caso che tu abbia stabilito una quota da investire. Questo budget determina non solo la grandezza dell’aerogeneratore, intesa come potenza, ma anche la condizione, ovvero nuovo o rigenerato.

Faccio una premessa doverosa. Se la tua intenzione è quella di investire piccoli capitali (dai 10.000€ ai 100.000€) dovrai cominciare a valutare l’idea di trovarti un socio che condivida con te l’investimento, oppure partecipare ad investimenti condivisi tramite società di scopo.

Ventosità dell’area

Per capire quanto conviene investire nell’eolico devi analizzare molti fattori, ma il primo tra tutti è sicuramente la ventosità dell’area su cui vuoi installare l’impianto.

Per ventosità si intende la velocità con cui il vento soffia in una precisa zona e si esprime in m/s.

L’Italia è quasi tutta mappata a livello di ventosità. Se vai sul sito http://atlanteeolico.rse-web.it/ puoi verificare la ventosità media e la producibilità specifica di ogni zona d’italia.

Se hai un terreno e vuoi sapere quanto ti conviene un investimento nell’eolico, controllare la ventosità media è sicuramente il tuo punto di partenza.

Mediamente, i terreni consigliati per l’installazione di un impianto eolico vanno dai 4 m/s in su. Considera, però, che la ventosità varia anche con l’altezza. Se a 20mt da terra il tuo terreno ha una ventosità di 4,2 m/s, a 50mt potrebbe arrivare a 4,8 m/s. Quindi anche l’altezza della pala incide con il calcolo della ventosità media.

Chiaramente prendi questi dati come puro esempio, non c’è sempre una proporzione logica tra ventosità e altezza.

Caratteristiche tecniche

Dirti che gli impianti non sono tutti uguali è come dirti di aver scoperto l’acqua calda. Quello che invece molti non dicono, è che le pale eoliche si adattano in maniera differente al livello di ventosità.

Mi spiego meglio. Ci sono alcuni tipi di aerogeneratori che, per caratteristiche tecniche, risultano molto efficienti anche con venti non estremamente forti, mentre altri sono più adatti alle alte ventosità e reggono meglio le raffiche di vento.

È una questione di meccanica interna. Moltiplicatore di giri, magneti permanenti, sistemi di frenata, orientamento al vento, orientamento dell’ala, etc…

Un’altra importante differenza tra gli impianti eolici è il fatto di essere nuovi o rigenerati.

Quelli rigenerati sono impianti che vengono smontati da vecchi parchi eolici e rimessi in buone condizioni. Considera che le pale eoliche possono avere una vita infinita, sostituendo di volta in volta tutti i componenti usurati.

Nel caso tu stia pensando: “se faccio un investimento del genere di sicuro non prendo una pala usata…”, devi sapere che è una pratica molto utilizzata nel mondo dell’eolico ed ha i suoi vantaggi. Il costo di una pala rigenerata può arrivare anche al 50% del costo di una pala eolica nuova di pari potenza. In molti casi, quindi, conviene investire nell’eolico rigenerato.

Voglio sottolineare una cosa: non si sta parlando di impianti usati, ma di aerogeneratori praticamente nuovi, spesso con un nuovo generatore e nuovi componenti interni.

È chiaro che, con un impianto eolico nuovo, hai il vantaggio di avere meno manutenzioni nei suoi primi anni di vita. Un impianto nuovo potrebbe anche avere dei rendimenti maggiori, soprattutto se si tratta di un’aerogeneratore tecnologicamente più avanzato.

In qualsiasi caso, il mio consiglio è quello di fare un’analisi comparativa delle caratteristiche tecniche, indipendentemente dal fatto che si tratti di pala nuova o rigenerata.

Accesso e valori d’incentivo

Faccio una premessa. Investire oggi nell’eolico può avere due scopi differenti.

Il primo è quello di utilizzare l’energia prodotta, quindi auto-consumarla direttamente quando serve o scambiarla in rete nei momenti in cui non la si utilizza. In questo caso è possibile beneficiare di un incentivo sull’energia prodotta.

Il secondo è quello di vendere l’energia alla rete beneficiando della tariffa omni-comprensiva, ovvero “incentivo + valore energia”.

Nella maggior parte dei casi, chi investe in eolico lo fa per vendere l’energia. Sono pochi, infatti, gli impianti installati nei pressi di zone industriali o comunque vicini a strutture in cui è possibile sfruttare l’autoconsumo.

Fatta questa premessa, vediamo quali sono le modalità di accesso agli incentivi:

Accesso diretto – accedono direttamente agli incentivi tutti gli impianti eolici fino a 60 kW

Accesso mediante iscrizione ai registri – gli impianti di potenza compresa tra 60 kW e 5 MW devono essere iscritti in un apposito registro informatico e verranno ammessi agli incentivi in base ad una graduatoria.

Accesso mediante procedure d’asta – in caso di impianti oltre i 5 MW, per accedere agli incentivi è necessario partecipare a procedure pubbliche d’asta al ribasso.

I valori dell’incentivo, invece, variano in base alle dimensioni dell’impianto. Gli impianti più piccoli hanno un incentivo maggiore. Man mano che sale la potenza, diminuisce la tariffa incentivante.

Tengo a precisare che gli elementi citati in questo articolo sono quelli che dovrai valutare TU, come investitore, per capire se e quanto ti conviene l’investimento. Per procedere alla realizzazione, invece, è necessario fare altri tipi di analisi, tra cui fattibilità, impatto ambientale, presenza vincoli paesaggistici, disponibilità reti, etc…

Per scoprire come valutare il tuo investimento in maniera semplice, scarica subito la Guida Gratuita qui sotto.

Opt In Image
Scopri come valutare un investimento in energie rinnovabili con 4 semplici step
Scarica la guida gratuita!
Ho letto e accetto la Privacy Policy

3 commenti su “Conviene investire nell’eolico?”

Lascia un commento

*